main index Proprio mentre mi stavano per rifilare il solito ricevitore GPS, leggo un simpatico articolo sul GLONASS, il sistema di posizionamento satellitare russo, e uno sul Galileo, la versione europea, e le altre versioni.

Il GLONASS è attivo per il pubblico mondiale già da maggio 2007, gratuitamente (occorre però il ricevitore compatibile, e la copertura è anzitutto sul territorio dell'ex URSS).

Sul posizionamento ha una precisione scarsa (60-70 metri in orizzontale, e 70 metri in verticale), adatta perciò più alla navigazione in mare che alla "navigazione" in automobile.

In compenso sulla velocità ha una precisione ragguardevole (margine di errore di 15 cm/sec!!) Pertanto, così com'è adesso, è più interessante per l'utilizzo militare che per quello civile.

Inutile ricordarlo, la versione di maggior precisione sul posizionamento (e addirittura sulla velocità) ce l'ha ovviamente solo l'esercito russo; nel 2010 la copertura arriverà all'80% del territorio mondiale.

I russi ci stanno lavorando alacremente (non sono ancora in orbita tutti i satelliti) per evitare di dipendere dal GPS che -forse non tutti lo sanno- può essere disabilitato dagli americani quando vogliono e dove vogliono (mi dicono, per esempio, che disabilitarono il GPS durante le prime fasi dell'attacco all'Iraq, entro tutta la zona delle operazioni; questa notizia, ed ancor più il fatto che il GPS sia da molti anni aperto all'uso civile, dimostrerebbe che il GPS non sarebbe più così strategico e senza alternative).

Il GLONASS russo usa la codifica FDMA anziché CDMA per cui è tuttora antieconomico costruire un ricevitore GPS+GLONASS (attualmente ne esistono e costano non meno di seimila euro, ma non so ancora dire se il costo giustifica il miglioramento della precisione del calcolo di posizione e velocità). È stato proposto di usare il CDMA anche per il GLONASS, in modo da costruire ricevitori ibridi usando la stessa circuiteria già disponibile sul mercato... ma non si sa se e quando andrà in porto. Suppongo però che i russi ci facciano un pensierino, per poter vendere il loro sistemi di posizionamento.

Un ricevitore ibrido GPS+GLONASS, dichiarato di precisione "entro i tre metri", costa anche cinquantamila dollari.

Intanto il Galileo europeo arranca per motivi politici (a cominciare dal fatto che gli USA non vogliono concorrenza; l'ultimo rinvio indica l'operatività tra cinque anni; l'accuratezza nel campo civile è entro i 4 metri; quella a pagamento è sotto il metro).

Ci sarebbe anche l'IRNSS indiano, con una precisione di 20 metri, ma è limitato al continente indiano e ai 2000km circostanti (evidentemente serve solo per la navigazione in mare e aerea).

C'è quindi il QZSS giapponese... ovviamente limitato ai giapponesi.

Insomma, pare che per almeno altri 3-4 anni lo standard sarà il GPS, che è già abbastanza maturo (AGPS, WAAS, EGNOS). E io che mi lamentavo della precisione di 5-10 metri (per me precisione "ragionevole" è un metro).


Duomo di Milano: il coro dietro l'altare

send e-mail