main index Nota: le mie pagine sulle fotocamere digitali sono qui!


Dramma, tragedia!

Un collega mi ha mostrato alcune (decine di) foto che ha scattato con la sua Nikon D70S (corredata da ottiche decisamente potenti), confrontandola spietatamente con la mia arcipotentissima Panasonic Lumix FZ20.

Una faccenda di $oldi

Prima considerazione: con i soldi che lui ha speso per la sua sola fotocamera, io ho comprato la FZ20, tutti gli accessori (lenti e flash), e avanzavano ancora un po' di soldi. Basterebbe già questo per stabilire pacificamente che non si può paragonare un elefante a una formica.

Rumore nelle foto

È stata la cosa che ho cercato di guardare più a fondo. Nelle sue foto, la D70S, fino ad ISO400 è virtualmente senza "rumore". Gli ISO800 della D70S danno un rumore in linea di massima come quello della FZ20 ad ISO100. In condizioni di scarsa luce avviene però che il rumore della D70S è assai più prossimo al moiré (rovinando quindi irrimediabilmente le foto, laddove con la FZ20 la maggiore granularità avrebbe permesso di salvare il salvabile).

Qualcuno contesta che il moiré in questione possa essere dovuto alla scarsa nitidezza dell'obbiettivo. Peccato che sia un difetto lamentato abbastanza comunemente per molte reflex (per lo più tra le fotocamere dotate di sensori molto grandi, prossimi al 35mm reale).

Risoluzione visiva

A parità di "ritagli" (la D70S è solo "sei megapixel", cioè ha soltanto 448 punti in più di risoluzione orizzontale rispetto alla FZ20), la D70S cattura un'ammirevole quantità di dettaglio, davvero niente male per un sensore classico "GRGB" (anche se siamo ancora distanti da quello che possono i Foveon), comunque oggettivamente meglio della FZ20. Anche in questo caso il limite della FZ20 è dovuto al minuscolo sensore (detto «1/2.5"»). Devo però aggiungere che la FZ20, in condizioni ottimali di illuminazione, non sempre ha qualcosa da invidiare alla D70S.

Esposizioni lunghe

La D70S ha tirato fuori un paio di eccellenti foto con esposizione di un secondo abbondante, il che mi ha ricordato per almeno la centesima volta che non è il caso di usare ISO200/ISO400 con la FZ20 per esposizioni lunghe. Evidentemente per me è necessario fare più esperimenti con tempi lunghi e bassa sensibilità, e vedere quanto riesco ad avvicinarmi alla qualità che ha ottenuto lui.

Bilanciamento e "colpi di luce"

Laddove la FZ20 avrebbe catturato troppo bianco dove c'è luce e troppo scuro dove non ce n'è abbastanza (una foto fatta uscendo da un tunnel), la D70S ha performato decisamente peggio, catturando sì il soggetto ma con una rumorosità inaccettabile perfino riducendo la foto al 15% delle dimensioni originali: la Nikon paga giustamente lo scotto del sensore assai più grande di quello della FZ20, da cui almeno si poteva salvare qualcosa in sede di photo-editing.

Tempi per le foto

Curiosamente, il collega ha raramente usato ISO200, quasi sempre ISO400, e nei rimanenti casi ISO800, per poter scattare con tempi decisamente bassi (1/800sec) e "chiudere" fino a F/13. Scoperto l'arcano! La Nikon D70S non ha lo stabilizzatore d'immagine!

Inutile precisare che secondo lui lo stabilizzatore d'immagine sarebbe un ammennicolo, un trucchetto campagnolo per fotocamere scarsine. Ahimé, quanto vorrebbe (lui) che ciò fosse vero! Se proprio al momento non ti serve, se proprio hai tempi sufficientemente brevi da non tirar fuori del "mosso", allora sì, disabilitalo. Ma se scatti con zoom lunghissimi, in condizioni di luce non eccellente, allora lo rimpiangerai, certo che lo rimpiangerai... Dite quel che volete, ma mi pare davvero da tonti pensare che una fotocamera, se "stabilizzata", non può essere seria. Del resto, con lo stabilizzatore, lui avrebbe potuto "spremere" ulteriormente i tempi delle sue foto...

Ottiche aggiuntive

Devo qui pure ammettere che il suo obiettivo da 18mm (cioè 27mm-equivalenti) distorce decisamente poco, addirittura meno di quanto distorce il wide (36mm) della mia FZ20. Ma il costo di quel "18mm" va ad aggiungersi a quello della fotocamera...!

Il tipico tremendissimo errore di chi passa da una "compatta" ad una "reflex digitale" è proprio questo: guarda il costo del solo dorso della fotocamera, rinviando poi ad un secondo momento la valutazione dei costi delle lenti per farla funzionare... uno spende magari fior di soldoni per comprare un kit - una reflex ed una lente - e poi, quando ancora non ha cominciato a pagarla, comincia a capire di aver avuto il bidone e di dover spendere almeno diverse altre centinaia di euro per una lente che faccia finalmente funzionare la fotocamera reflex digitale in questione!

Questo è il motivo principale per cui non si possono confrontare le "compattone" e le reflex digitali. Io mi son permesso di fare eccezione perché sono proprio quelli che hanno una reflex (o magari hanno solo intenzione di comprarla) a fare questi benedetti confronti, trascurando il punto di partenza: il prezzo finale del set completo (fotocamera più accessori indispensabili).

In sintesi...

La Nikon D70S, se accoppiata a un corredo di ottiche serie, è una gran bella macchina, nonostante sia "solo" da sei megapixel. Da parte mia non sono pentito dell'acquisto della FZ20, perché col solo costo del kit della D70S ho acquistato la mia FZ20 con una carrettata di accessori e lenti aggiuntive.

L'invasione di fotocamerine economichine tascabiline da cinque, sei, nove megapixel e più, farà prima o poi capire ai gonzi che l'importante non è la quantità di megapixel, ma come ti vengono tirati fuori quei megapixel. Dopotutto, se una tascabile "nove megapixel" economica costa esattamente un decimo di una "sei megapixel" reflex digitale (ed ancora sprovvista di lenti), qualche motivo ci dovrà pur essere... ;-)


Scandalo, orrore e sdegno!

Sento già i nikonisti infuriarsi e stracciarsi le vesti: come ha osato, un povero mortale, come me, pubblicare non solo una pagina che smonta qualche mito sulla Canon EOS 350D, ma pubblicare anche (perfino!) questa pagina, dove si dice che non sempre la D70S con un'ottimo "corredo" sarebbe superiore alla Lumix FZ20? Li sento già gridare in lontananza: WOAH! come osi?

Ho osato, ho osato: la pagina la state già leggendo. Ho una FZ20 da quasi un anno, ed è da sette anni che sono appassionato di fotografia digitale; il collega in questione fotografa invece da più di vent'anni, sempre con macchine Nikon (e dice che le Canon fanno schifo, come tutti i tifosi Nikon), ed ha messo abbastanza duramente alla prova la D70S, per poi venir qui a fare lo spaccone e "dimostrarmi" che le sue foto sono migliori delle mie.

E la FZ30...? ha un sensore più grande di quello della FZ20...

Esatto, ma non hanno risolto il problema del rumore. Per quello ci sarà magari da aspettare la FZ50. Dunque, per quel che riguarda il "rumore di fondo" (quella picchiettatura di pixel dovuta al rumore elettromagnetico attorno al sensore), la FZ20 probabilmente performa meglio della FZ30. Un certo miglioramento sul rumore si è visto con la FZ50, che però ovviamente non riesce a raggiungere i livelli di rumore della D70S.

Fra l'altro la FZ30 è da otto megapixel, cioè... appena 256 pixel in più di larghezza rispetto alla D70S (quindi neanche il 10% in più).

Ma avendo soldi a sufficienza tu la compreresti una D70S, no?

Non saprei rispondere a questa domanda, almeno per il momento. Avere una fotocamera di cui si è già soddisfatti non è un motivo sufficiente per pensare a come rimpiazzarla.

La Lumix FZ20 è una gran bella macchina, e io ne sono -giustamente- entusiasta fino alla tifoseria, ma non fino al punto da dire che "ogni" Lumix sia una signora macchina. Non è detto che la Panasonic riesca a convincermi a comprare ancora una Lumix in futuro (per la cronaca, comprerò una Lumix FZ50 nel marzo 2007): la concorrenza tra i produttori di fotocamere diventa sempre più agguerrita, ed io fotografo in digitale da abbastanza anni per capire se quello che mi propongono come "imperdibile" mi serve veramente o no.

Non vorrei infatti commettere l'errore principe dei gonzi: comprare un apparecchio di cui non sfrutterei tutte le caratteristiche (ossia sprecare soldi).


La foto qui sotto può essere letta in due modi:

  1. sovraesposizione di una delle insegne luminose, uaaagh! difetto! gravissimo errore! - ma andate a pontificare da qualche altra parte...!

  2. F2.8, un quinto di secondo di esposizione (senza treppiede!) e il resto lo ha fatto lo stabilizzatore (nota: ero in piedi, camminavo, tiro fuori la FZ20 e mi fermo un attimo a scattare senza neppure preoccuparmi dei tempi e della sensibilità e di tutto il resto).

Castellammare di Stabia, via Regina Margherita

e-mail - continua (next page)