continua (next page) main index

Below, "SuperSinc", an Italian computer magazine dated Jul/Aug'84.
Questa è SuperSinc, "la rivista per gli utenti dei prodotti Sinclair", della J.Soft editrice "in collaborazione con Gruppo Editoriale Jackson". Il numero è di 80 pagine, il prezzo di copertina è di 3500 lire (clicca qui per le altre riviste).

Nell'84 ci fu un tale boom di riviste di listati per home computer (per cui si poteva pensare di partire a giugno con un mensile come questo, senza paura di andare col bilancio in rosso) da far allarmare anche il sottoscritto e perfino gli stessi editori. Devo citare l'editoriale di Pietro Dell'Orco, su questo numero di SuperSinc, a pagina 7:

Editoriale (POINT) - Carta o nastro?
Avrete tutti seguito l'evolversi delle riviste nel settore della "piccola informatica", quella del personal e home computer per intenderci. Molti editori hanno rivolto il proprio interesse alla diffusione delle riviste su cassetta che, tra l'altro, hanno riscosso da parte del pubblico un certo successo. Poi l'escalation al vertiginoso ritmo di una nuova testata la settimana.
Articolo e inizio listato di un giochino Tralasciando volutamente i discorsi circa la provenienza del materiale con cui alcuni di questi prodotti vengono confezionati (qualcuno, prima o poi, se ne accorgerà, e allora...) passiamo a rispondere alla domanda che legittimamente ci potreste porre: "e voi...?".
Dal canto nostro abbiamo scelto il tradizionale supporto cartaceo per tutta una serie di motivi che, per quanto soggettivi, ci hanno trovato, in redazione tutti d'accordo.
L'utilizzo del computer, qualunque esso sia, richiede una certa manualità e tale attriuto si acquisisce solo mettendo mano alla tastiera, meglio se per battere un buon programma.
Ci sono a questo punto due modi di digitare un programma: il modo "scopiazzo" e il modo intelligente; praticando il primo l'arricchimento personal-culturale sarà alquanto scarso; nel secondo caso invece, quello intelligente, il programma, preso in qualche caso a pretesto, sarà assai utile alla comprensione del linguaggio, del modo in cui il calcolatore lavora, ecc. ecc.
Eseguire la battitura di un programma cercando di capire il perché di una particolare istruzione e sforzandosi di comprendere il significato è certamente uno dei migliori modi per avvicinare e capire la propria macchina. C'è poi, per i più "tosti" (mi pare che il gergo preveda tale termine per definire i più bravi) la possibilità di porre mano al programma modificandone il funzionamento a proprio gusto. Una mia nota su dove correggere il listato
In ogni caso per chi non dovesse condividere la nostra filosofia c'è sempre la possibilità dell'abbonamento che, oltre alla rivista, prevede la cassetta con i programmi pronti all'uso.
Ben vengano quindi le pubblicazioni "pret-a-porter"; noi, fedeli a quello che da sempre è il mezzo più efficace per l'apprendimento, proponiamo il software su carta che richiede sì un maggior lavoro per l'utente ma... vuoi mettere poi la soddisfazione?!!

Ecco dunque svelato l'arcano: le riviste su cassetta contenevano programmi (giochi) commerciali "taroccati" (cambiando a stento scritte e nomi), ed erano ben più allettanti dei listatini pubblicabili a stampa. Il boom di queste riviste "di listati" fu tanto grosso quanto breve: pochi riuscirono a superare il 1985...! Nel frattempo la gente collezionava (e "scopiazzava") le cassettine in edicola, e il mercato "pirata" pure affrontava una crisi dovuta alla troppa pirateria del materiale piratato :-)


La copertina di SuperSinc

indietro (previous page) - send e-mail - continua (next page)