continua (next page) main index La tremenda tirchieria e l'accanimento sulle "spese di spedizione"...

In una inserzione su eBay, un piccolo oggetto viene venduto all'asta a partire da 31,90 euro, più 16 euro di spedizione "24 ore". L'oggetto è interessante poiché a comprarlo nuovo si spenderebbe una sessantina di euro.

Visto che l'oggetto è decisamente piccolo, mi permetto di chiedere al venditore se può spedirlo con posta raccomandata (nel caso specifico il costo della spedizione calerebbe addirittura di tre quarti: solo 4,05 euro; ed a spedirlo come "prioritaria" si risparmierebbe ancora di più).

Se il venditore mi avesse risposto gentilmente di no - se cioè mi avesse scritto, per esempio, "spedisco solo nei termini indicati nell'inserzione" - allora non avrei avuto nulla da ridire, e avrei partecipato normalmente all'asta.

Senonché il venditore mi risponde in modo arrogante cambiando discorso, insinuando che altri camuffano il prezzo dello stesso oggetto esagerando il prezzo della spedizione - un fenomeno molto comune su eBay, anche se limitato dalla decenza (per esempio quando per l'imballaggio e la spedizione il venditore chiede sei anziché i quattro che gli costano effettivamente).

Ora, la disonestà degli altri non è una giustificazione per gli arroganti e i disonesti.

Avrei lasciato perdere se il venditore fosse stato uno alle prime armi, uno che potrebbe non aver ancora imparato che il possibile cliente va trattato come possibile cliente.

E invece non era alle prime armi. E perciò ho mandato al signor Gran Venditore Power Seller con Centinaia di Feedback Positivi questa risposta, che avrà indubbiamente cestinato.

Avrei volentieri lasciato perdere te e la tua asta, ma la risposta che mi hai dato - "Valuta il prezzo globale, c'è chi vende ad 1 euro e fa pagare 39 euro di spedizione" - merita davvero una chiosa.

Anzitutto il fatto che spedire esclusivamente con Paccocelere1 fa guadagnare le Poste, non te; per esempio, con Paccocelere3 ci sono circa sei euro di differenza per due giorni in più di attesa, e non tutti i compratori avranno tanta fretta di riceverlo in 24 ore dopo essere stati costretti ad attendere cinque giorni per la fine dell'asta.

Anche perché l'asta termina in tarda serata di mercoledì e quindi il pacco non arriverà certo di giovedì.

Poi, come ti ho già ricordato, le dimensioni dell'oggetto sono tali da poter essere spedito come lettera (prioritaria o raccomandata), con un possibile risparmio del 75-85% delle spese di spedizione che richiedi (che peraltro sono più della metà del prezzo base dell'asta).

Se poi davvero valuto il prezzo globale come dici tu, mi conviene comunque comprarlo a "1 euro + 39 di spedizione" anziché a "31,90+16": la matematica non è un'opinione.

In ogni caso, in tre anni di eBay non ho mai visto aste "1+39" - anche perché in tal caso il venditore può essere segnalato a eBay come uno che aggira le tariffe di inserzione, e la sua inserzione annullata subito.

Il numero dei tuoi feedback dimostra che hai acquisito una certa esperienza di eBay, per cui è strano che tu non abbia capito ancora che se mi togli dodici euro dai costi di spedizione io offrirò dodici euro in più per l'oggetto, accanendomi e resistendo alla tentazione di aspettare un'altra asta simile - e non sarò certo il solo a ragionare così.

Dopotutto, visto il tuo "prezzo globale" di partenza, non mi meraviglia che fino agli ultimissimi minuti dell'asta nessuno abbia azzardato offerte, riservandosi tutti di tentare eventualmente il colpaccio all'ultimo minuto.

Avrei concluso volentieri con "ti auguro di non venderlo", ma l'oggetto era ghiotto ed ero sicuro che sarebbe stato venduto (c'è pur sempre gente che per risparmiare almeno un euro rispetto al comprarlo in negozio - o addirittura per risparmiarsi la fatica di raggiungere il negozio, che magari non gli è vicinissimo - è disposta a rischiare l'acquisto su eBay).

...e invece, clamorosamente, nessuno ha fatto offerte! Ben gli sta: ora gli tocca pagare la tariffa per l'inserzione (eBay, da questo punto di vista, è peggio del conte Dracula: la tariffa di inserzione si paga anche se l'oggetto non è stato venduto).

Comunque quel messaggio sarà stata certamente una fatica sprecata. Se il venditore in questione avesse sufficiente intelligenza da ragionare anche su uno solo degli argomenti che gli ho presentato, certamente non avrebbe risposto in quel modo imbecille.

C'è un'ultima ipotesi che solo per estrema correttezza non ho voluto prendere in considerazione: il fatto che il signor Gran Venditore Power Seller non paghi di tasca sua la spedizione.

Ho avuto a che fare non molto tempo fa con un tizio che vendeva su eBay solo con spedizione Paccocelere1plus, scoprendo quasi per caso che non pagava di tasca sua la spedizione.

Utilizzava infatti il servizio dell'azienda per cui lavorava - o forse derubava la sua azienda dei "carnet" di Paccocelere da usare per le proprie vendite - e pertanto i quindici e rotti euro di spese di spedizione pagati dall'acquirente se li intascava in aggiunta al prezzo finale dell'oggetto (a danno ovviamente dell'azienda per cui lavorava).

Certamente non sarebbe l'unico "furbo": mi dicono che in certi ambienti di lavoro, specialmente "pubblici", è tutta una gara a chi ruba telefonate, francobolli, cancelleria, carta igienica, carnet di Paccocelere... Io stesso vidi con questi miei stessi occhi un tizio che trafugava nientemeno che un vecchio mouse rotto, supponendolo funzionante perché "non si sa mai, qui si comprano cose nuove anche quando le vecchie funzionano ancora".


È ora di tornare a casa...

indietro (previous page) - send e-mail - continua (next page)