main index Anzitutto, comprare un Microsoft Zune e schiaffarci dentro Linux, per un utilizzo più informatico che multimediale (diamine, ho sempre con me notebook e cellulare, ed entrambi sono capaci di riprodurre film e suonar musica).

Parentesi: un anno fa cominciavo a scrivere questa pagina, ignorando - per eccesso di ottimismo - che Zune sarebbe stato meno che un fantasma. Nessuno dei miei amici e conoscenti - neppure il più sfegatato microsoftiano, quello che deride la Apple perché "costa più di un computer Windows" - ha mai lontanamente ipotizzato di comprarne uno.

Poi, comprare urgentemente un'altro paio di confezioni del Mindstorms NXT della Lego, poiché quella che ho pare che non mi basti mai...

Non comprerò lo Zune, poiché è prodotto dalla Microsoft, e la Microsoft ha già intascato un mucchio di miei soldi per tutte le licenze di Windows che ho pagato ma che non ho utilizzato (la "Microsoft Tax" per l'acquisto di ogni PC portatile). Meno male che la Dell ha annunciato una linea di notebook debitamente potenziati e corredati del solo Linux... (sì, è vero, non ho voglia di tornare al Macintosh, ho avuto troppe delusioni dalla Apple).

Acquisti appena fatti:


Altri acquisti urgenti da tenere in considerazione:

Risultati:
Il 29 gennaio 2007 tentavo di acquistare su un sito uno scanner Canon Lide 70. Quegli infami pugliesi lo dichiaravano "disponibile", mentre in realtà non lo era. Ed infatti passano settimane su settimane e l'ordine risulta perennemente inevaso. Dopo un mese di proteste email e telefoniche riesco a farmi annullare l'ordine (le loro clausole di vendita scritte in piccolo prevedevano che dopo trenta giorni di mancata consegna l'ordine venisse automaticamente annullato: e invece dopo oltre un mese stavo ancora aspettando loro). Mi offrono come rimborso un bonus spendibile presso di loro dello stesso valore, maggiorato del 5% (capirai, sul prezzo di uno scanner di consumo, una manciata di spiccioli); rifiuto, e chiedo invece la restituzione dei soldi. Dopo un altro mese (loro restituiscono i soldi trenta giorni dopo: quindi al mese abbondante di inutile attesa per l'evasione dell'ordine si somma il mese abbondante di inutile attesa per rivedere i propri soldi) sono costretto a insistere di nuovo perché trattengono ancora impunemente i miei soldi (una vera e propria truffa, poiché a fronte di un servizio non dato, trattengono i soldi del cliente).

Urgente: ho bisogno di un'unità di backup, un hard disk da portare in giro. Deve essere Firewire 800 (IEEE 1394b), poiché il mio Apple Mac ha sia la 400 che la 800, e la 400 è meglio riservarla alla futura videocamera che comprerò quando sarà il momento) ed anche USB 2.0 (e quindi 1.1) per poterlo usare anche a casa degli amici che hanno quegli squallidi PC Windows dell'anteguerra a cui a stento funziona la USB 1.1...

Non deve essere da 2.5" ma da 3.5" (i dischi da 2.5" costano un botto ed è arduo trovare un disco SATA2 ultracapientissimo ad almeno 7200 giri - meglio diecimila giri).

Soluzione: ho comprato un Lacie D2 Extreme II Triple Interface da 250 giga. Cómm'fùie!

A proposito dei Nokia 770 N800 N810 Internet Tablet...

Due anni fa recensivo il Nokia 770 per valutare se era il caso di comprarlo. È passata un po' d'acqua sotto i ponti, e dopo l'N800 siamo arrivati all'N810. Le differenze sono marcate, ma non grandiose: e anche stavolta le conclusioni sono che... che anche stavolta non avrò il coraggio di comprarlo.

I commenti in rete, anche da siti autorevoli, invogliavano parecchio. InfoSyncWorld diceva che il Nokia N810 farà sembrare "vecchio di cinque anni" l'iPhone (testuali parole).

Vediamo le caratteristiche:

Motivi per cui non comprerò un Nokia N810:

Cambiamento di prospettiva: il Nokia N900 annunciato ad agosto 2009 è... anche telefono. Ho ancora qualche dubbio (degli stessi indicati sopra per il N810) ma temo davvero che non resisterò alla tentazione di comprarlo. Presto altre notizie.

Tablet o Ultramobile PC?

Sono ancora nel dubbio se prendere un tablet o un UMPC. Il primo argomento che tiene ben fermi i soldi nel mio portafogli è quel maledetto Windows che equipaggia praticamente tutti i modelli in circolazione.

Qualche suggerimento per i produttori, per una configurazione ridotta al minimo essenziale:

Configurazione hardware:

Diciamocelo chiaramente: "di più non serve!" Eventuali tastiere e mouse e masterizzatori e sintonizzatori e altri ammennicoli possono stare sulle USB (quattro porte è un buon compromesso, che non costringe a comprare un hub).

Cosa aggiungere come opzionale:

Cosa non aggiungere alla configurazione:


Un buon telefonino

Sì, mi piace anche il Nokia N95. Qui sotto, una breve indagine per capire se vale la pena farci un pensierino per l'acquisto...

Uhm... bel design... UMTS/EDGE, wifi, fotocamera 5 megapixel, ricevitore radio FM, ricevitore GPS, email/browser/calendar/etc, insomma, una bella bestia.

Addirittura uscita video-TV e flash per la fotocamera.

Ma non ha il touchscreen! Gravissimo. Bocciato immediatamente.


Rettifico: un buon telefonino

Sì, mi piace il Nokia E90. Qui sotto, una breve indagine per capire se vale la pena farci un pensierino per l'acquisto...

Caratteristiche particolarmente convincenti, che mi invogliano clamorosamente all'acquisto:

Caratteristiche interessanti (insufficienti a convincermi all'acquisto, ma è bello sapere che ci sono):

Considerazioni sulla batteria fornita di serie (da 1500mAh):

Caratteristiche che fanno un po' storcere il naso;

Risultato:


Il mio prossimo "tablet"

Se qualche costruttore/produttore è in ascolto, tenga bene presente queste mie richieste:

Allora, avete qualcosa da proporre?

Un PMP (personal media player)

Il candidato più in vista è certamente l'Archos 605 Wifi: dimensioni ridottissime rispetto alle dimensioni del display (che peraltro è un touchscreen 800×480 da 4.5", mica male), Linux a bordo, hard disk da 1.8" da 30 giga (parlo del modello più economico), prezzo di lancio sotto i trecento euro.

Problemi gravi: il Linux a bordo è "chiuso" e diverse banali features (come il supporto per i formati VOB e AAC o l'uso del browser Opera) vanno comprate...!

Peccato: l'estetica era decisamente accattivante.

Ho spazzolato un po' di forum dedicati (ArchosFans ed ArchOpen) ma vedo che non conviene comprarlo se non si vuole davvero un PMP.

Niente da fare: non compro prodotti "chiusi", anche se contengono Linux!

Nei miei confronti, la miglior pubblicità per un accrocchio del genere è qualcuno che pubblica un trucchetto per poter accedere al sistema operativo e scriversi i propri software da aggiungere all'aggeggio.

L'alternativa al 605 Wifi è ovviamente l'iPod Touch che è dotato di soli otto giga di storage (ma è memoria allo stato solido, non è un hard disk), ha lo schermo più piccolo (320×480 da 3.5", un po' misero rispetto al 4.5" da 800×480), supporta come altri prodotti Apple i soliti formati (MP3, AAC, H264, MP4, M4V, etc, ma non c'è ovviamente il VOB), ha il wifi, e costa esattamente trecento euro (cento euro in più se si vogliono 16 giga, ugualmente "allo stato solido"). Ha lo schermo multitouch ed un design più elegante dell'Archos 605 Wifi. Il sistema operativo è lo stesso dell'iPhone, derivato da Mac OS X.

Dubbi dubbiosi dubitanti:

In fin dei conti, resto ancora dubbioso... si tratta di trecento euro, mica di noccioline! Non è che uno può spendere frequentemente delle centinaia di euro per delle carabattole cinesi (anche se designed in California).