continua (next page) Chiappariello e... main index

The train controls of a French locomotive.
Questo sotto è il banco di manovra di un locomotore francese. Il giovane macchinista ha lasciato i suoi due telefonini cellulari proprio al centro del pannello comandi.

Se ho capito bene, si tratta di un locomotore "Magelan", dalla velocità massima di 140 km/h (il quadrante più lontano, però, è tarato fino a 150 km/h, di 10 in 10). Viene utilizzato per il trasporto viaggiatori per i treni locali del Conseil Régional Midi-Pyrénées.

Le ferrovie francesi, curiosamente, utilizzano locomotori decisamente vecchi. Anche i treni locali sono alquanto arretrati (basti pensare che per andare da un vagone all'altro occorre scendere dal treno).

Un'altra brutta impressione viene dagli scambi meccanici (sparsi ancora ovunque su tutta la linea), laddove in Italia lo scambio elettrico (con due motori, uno attivo e uno che funziona in caso di guasto dell'altro) è ormai dappertutto. In Francia si vedono quegli scambi meccanici con decine e decine di metri di "prolunga" verso il motore centrale (spero si tratti sempre di un motore, ma tutti quegli scambi manuali visti in giro mi fanno insospettire).

Infine (e questa è quasi da arrabbiarsi) nelle stazioni c'è in genere un solo cartello con l'indicazione del nome. Per giunta scritto in piccolo. In Italia, anche nelle stazioni più periferiche (beh, pressoché tutte) c'è un cartello col nome quasi ad ogni angolo. A caratteri molto grandi, così lo vedi da lontano e lo vedi anche se il treno attraversa la stazione a gran velocità. Con un fondo blu lucido e caratteri bianchi. In Francia sono dei minuscoli cartelli alti un terzo di quelli italiani, con caratteri magrissimi, e li vede solo chi è già a terra e di fronte...!

Le grandi stazioni ferroviarie francesi sono tutte coperte da un enorme capannone, ma le altre stazioni sono pressoché tutte prive di qualsiasi riparo per la pioggia. Comincio seriamente a pensare che in Italia abbiamo una vera architettura ferroviaria (sia per quel che riguarda le Ferrovie dello Stato, sia per le ferrovie secondarie)...!


Clicca qui per l'indice delle pagine ferroviarie

home page - send e-mail - continua (next page)