continua (next page) main index

Below, "Computer Science Today" (Informatica Oggi), an Italian computer magazine dated Dec'82.
E questo invece è il numero di dicembre 1982 di Informatica Oggi. La rivista di elaborazione dati e telematica (nientemeno!). Vediamo cosa offre... (clicca qui per le altre riviste).

146 pagine, prezzo di copertina lire 3000. Erano i tempi in cui il DOS era ai primi vagiti ed ancora non esisteva Windows...!

Editoriale: "HP: una scelta che consacra Unix ed Ethernet". "Con l'introduzione della nuova serie HP9000 di unità integrate a 32 bit... la Hewlett Packard, oltre a sferrare un duro attacco ai produttori di supermini (in primis, Digital), ha sancito definitivamente il ruolo di due fenomeni emergenti quali Unix ed Ethernet. [...] In questo senso Unix è destinato a riproporre il fenomeno del CP/M, che ha portato ad una elevata indipendenza del software (e dell'utente) da una specifica macchina...

Confronto tra diversi linguaggi di programmazione Articolo: "Applicazioni commerciali: valutazione e confronto di sistemi". È stato scritto lo stesso software in diversi linguaggi di programmazione per valutare il rapporto tra linee di codice necessarie e tempo di esecuzione in secondi, e verificare qual è il compilato più veloce. Il "Pascal-2" stravince per brevità (meno di 500 linee di codice) e velocità (meno di tre secondi di esecuzione). Seguono il "Fortran IV Plus" (530 linee, 3.1 secondi), il "Pascal-1" (800 linee, 4 secondi), il "Fortran IV" (11 secondi), il "Basic Plus II" (18 secondi), il "Basic Plus" (centotrentotto secondi!). Secondo l'autore dell'articolo l'inghippo sta nel fatto che alcuni compilatori usano il P-Code anziché il codice macchina. Nello stesso articolo si fa un'analisi di internetworking tra applicazioni in rete.

Zoom: "Personal computer fulcro delle reti locali". Costi per connessione stando ai produttori. Reti a un megabit/sec: Digital 100$, Televideo 1200$; reti locali a 1.5 megabit: Nestar 400$, Corvus 450$. Reti a 10 megabit (nota mia: la canonica Ethernet 10Mbit e siamo solo nel 1982!!!): Xerox 2000$.

Pubblicità: "Da CELDIS c'è. Gamma completa di fibre ottiche HP". Vi presentiamo la più completa gamma di sistemi a fibre ottiche oggi esistente sul mercato. [...] HBFR-0010 High Performance. Sistema che usa fibre in vetro e può accettare dati da DC a 10 Mbaud (nota mia: equivale alla canonica Ethernet 10Mbit) garantendo eccezionali prestazioni fino a 1000 metri (nota mia: le Ethernet da sole non ci arrivano).

Informatica Oggi, numero 1 del dicembre 1985 Zoom: "Sentenza favorevole per Apple Computer". Vietata alla società olandese CAB Trading la vendita di "Apolo II", copia del personal computer Apple II. [...] Apolo II, fabbricato dalla Sunrise Computer di Taiwan... viene inoltre proibito alla società olandese di diffondere una brochure nella quale vengono utilizzate espressioni come "Compappleable", "Compatibile Apple II".

Zoom: "Due giganti insieme per le RAM da 64 kbit". IBM ed Intel hanno recentemente firmato un accordo in base al quale la IBM avrà accesso alle RAM da 64 kbit sviluppate dalla Intel. Il patto sembra in prospettiva di significativa importanza strategica per ambedue le parti. Con una mossa del tutto inaspettata da parte di molti osservatori del settore, la IBM ha recentemente firmato un accordo...

Informatica Oggi, numero 2 del febbraio 1983 Zoom: "100.000 Winchester Seagate per la IBM". Dal punto di vista tecnico la ricerca IBM è stata orientata ad unità con capacità di memorizzazione di 10 Mbyte e caratterizzate da un tempo di accesso medio di 85 ms.

Grande concorso Jackson. Il Gruppo Editoriale Jackson srl promuove un concorso a premi in occasione della campagna abbonamenti 1983. [...] Primo premio: un meraviglioso viaggio nella Silicon Valley. Altri premi: un Apple II, un oscilloscopio Tektronix TEK 2213 a due canali DC 60 MHz 20mV/div, un mini robot, un computer didattico in kit, un Digital Rainbow 100, una stampante Epson MX100, uno Zx Spectrum, un Commodore Vic 20, una Roland HP 70.

Articolo: "Lisp e Smalltalk: arriva l'intelligenza artificiale". Il Lisp, da oltre 20 anni linguaggio dell'intelligenza artificiale. (fotografia del personal computer Alto, sviluppato al Palo Alto Research Center Xerox [nota mia: un giorno il PARC genererà lo SPARC...!]. Il computer Alto, "prodotto in centinaia di prototipi a partire dal 1973 e considerato leader assoluto in termini tecnologici, non è mai stato introdotto sul mercato". Guardate la foto a fianco: si vede il mouse a tre tasti (per la cronaca era stato inventato già nel 1963 da Doug Engelbart) ed un display orientato a pagina anziché orizzontalmente, oltre Computer Alto, del Palo Alto Research Center Xerox che un ambiente operativo a finestre!!! (per la cronaca, pure questo era stato inventato - come prototipo - nel 1968 dallo stesso Engelbart). Su questo computer che si vede nella foto è stata realizzata nel 1974 un'implementazione Interlisp, capace di usare una memoria virtuale di 128 kbytes "compreso il bitmap del video"!!!). La versione Dorado del 1979 aveva addirittura una cache da 8 a 32k a 60ns per il processore, uno schermo di risoluzione 1024×808 (!) e poteva essere espanso a 8Mb RAM!

A pagina 89 una solenne pubblicità del PIPS. "Linguaggi vicini all'uomo. 1957: Fortran. 1959: Cobol. 1960: Algol. 1961: Rpg. 1965: Basic. 1966: Pl/1, Apl. 1971: Pascal. 1979: Visicalc. 1980: Pips. PIPS. Il nuovo non-linguaggio di programmazione che ha reso il computer accessibile a tutti. Infatti la programmazione rappresenta un ostacolo non indifferente alla diffusione del personal computer: PIPS è un passo enorme nella soluzione di questo problema permettendo l'utilizzazione del computer senza saper programmare. Anche un principiante può utilizzare i personal computer SORD. SORD M23: 128K Ram, Video 12"-14" verde-arancio-colore, 2 floppy 5"1/4 per 660 Kbytes, 2 porte seriali, 1 porta parallela, Basic interprete/compilatore, Pascal, Fortran, Cobol. Standard il nuovo modo di programmare: Pips. Lit. 4.900.000+I.V.A. Prezzo "tutto compreso". Garanzia per un anno e speciale polizza assicurativa. Scelto da Fiat Auto S.p.A.

Prova: computer HP della serie HP-9000. CPU 32 bit a 18MHz, "architettura multiprocessore, performance compresa tra 0,5 e 1,4 VAX780 (benchmark Whetstone B1D, rispettivamente con 1 e 3 processori), dimensioni dell'unità centrale ''completa'' (CPU, I/O processor, 1Mbyte di RAM, ecc.) pari ad un ''cestino della merenda'' modello asilo; dimensioni dell'intero sistema, con video, disco da 10Mbyte, minifloppy, tastiera e stampante, analoghe a quelle di un tradizionale personal o desktop; local networking tramite Ethernet a 10Mbit/s; sistema operativo HP-UX per utenti evoluti, basato su Unix System III con estese capacità multitasking e multiutente ''arricchito'' dalla HP; ''spazio'' di indirizzamento virtuale pari a 500 Mbyte; sistema operativo Basic compatibile con quello preesistente sulla famiglia 45 per utenti meno sofisticati; costo, in Italia, a partire da 55-60 milioni di lire".

Floppy disk drives Olivetti Pagina 101: pubblicità "Floppy disk drives Olivetti OPE FD 591 e FD 592. Le nuove unità di misura per i floppy disk a 96 tpi". FD 591 (single sided): 250/500 Kbyte; FD 592 (double sided) 500/1000 Kbyte. Dimensionalmente ed elettricamente compatibili con 5 1/4" minifloppy ANSI Standard. 96 tpi. 80/160 tracce. Tempo d'accesso medio: 80 ms. Singola e doppia densità.

Articolo: "MODEM: standard e caratteristiche". Raccomandazione V21: modem a 300 bit/s. Raccomandazione V23: modem 600-1200 bit/s. Raccomandazione V26: modem a 2400 bit/s.

Disco e nastro Plessey Pubblicità: "Domani sarete soli davanti a lui... soli ma con il vostro Winchester. Plessey ha l'arma giusta per Voi se avete sistemi Q-BUS (marchio depositato della Digital Equipment Corporation): 10.4 Mb, 28.8 Mb, 31.2 Mb in un unico chassis da 5 1/4" con Panel Distribution e Power Supply; 28 Mb o 56 Mb in chassis da 10,5" con integrato sitema di Back-Up su cassetta da 15 Mb o floppy da 1 Mb; per i sistemi Unibus (marchio della DEC) potete disporre di 80 o 160 Mb con Winchester da 8" e Controller con emulazione RM02 (marchio della DEC) ad un prezzo estremamente basso. (nota mia: nella foto si vede lo chassis da 10,5" con due interruttori, un power on/off e un write protect on/off, più due led active e ready e una cartuccia a nastro caricata).


La copertina di questo numero di Informatica Oggi

indietro (previous page) - send e-mail - continua (next page)