continua (next page) main index In una remota stazioncina della ferrovia Circumvesuviana ci si può imbattere in scritte come questa qui sotto (botta e risposta).

Prima scritta: TUPAC AMARU - con stella simil-comunista a cinque punte.

È il nome che pare si sia dato un gruppo di tifosi di qualche squadretta di calcio di queste parti, per sembrare il più violento possibile (non crederete mica che vorrebbero chiamarsi Budini Molli).

Il nome esotico, e l'etichetta di guerriglieri e terroristi (resta famoso l'episodio del sequestro di quasi cinquecento persone a dicembre 1996 in Perù da parte dell'MRTA), si presta bene a sembrare rudi e violenti.

Il font utilizzato, dai caratteri molto squadrati, potrebbe suggerire che la formazione è ideologicamente più vicina alla destra che alla sinistra. La stella a cinque punte e il nome preso a prestito da quel gruppo che si richiamava ad Ernesto "Che" Guevara potrebbe indurre a pensare il contrario.

Translation: "we are Bad Guys, we would like to resemble the Tupac Amaru Revolutionary Movement (anyways we maybe don't even know anything of the MRTA, we only know that every revolutionary movement is surely violent and illegal)... -- Answer: Oh, yes? Well, we're ready to fight with you! Counter-answer: Oh, yes? No problem, we also are ready to fight!". -- And no fighting happened. Ever. -- That was only one of the most famous sports here in Italy: threatening :-)
Seconda scritta: CATTIVE INTENZIONI - per chi non avesse ancora capito che il gruppo non è certo formato da budini molli. Qualche sociologo troverebbe interessante indagare su come mai simili proclami compaiono sul muro di un sottopassaggio di una stazione di provincia di una ferrovia secondaria, e per giunta con un economicissimo pennarello.

Terza scritta: QUANDO VOLETE - a pennarello blu, semiconsumato, apparsa qualche giorno dopo. Qualche portavoce di tifoseria avversaria (o semplicemente di un altro gruppo che ama suonar mazzate) ha scritto a margine di quella minacciosa affermazione una ancor più minacciosa risposta. Dato che non ha firmato, si direbbe che è certo di essere riconosciuto dall'autore della scritta originale.

Quarta scritta: NESSUN PROBLEMA - pennarello nero, scritta in fretta ma presumibilmente dello stesso autore delle prime due. Alla minacciosa risposta, si aggiunge quest'ancor più minaccioso commento, come a confermare che non hanno paura di menar mazzate, non hanno nessun problema a menar mazzate.

A questo punto, almeno in teoria, dovrebbe seguire finalmente lo scontro diretto tra le due squadre, alla Gangs of New York - o una rissa degna di questo nome, o almeno una piccola zuffa.

Sono passati mesi, e non è ancora successo niente. Aspetto che prima o poi qualcuno dei due contendenti scriva qualcosa tipo: "ve le abbiamo suonate di santa ragione", oppure "vi abbiamo dato la lezione che meritavate". E invece niente!

Chissà come andrà a finire. Se ci saranno novità, le aggiornerò su questa stessa pagina.



Post Scriptum: forse sono io troppo violento? L'altra sera, in pizzeria, con gli amici ci dicevamo: "ho cattive intenzioni... anch'io, anch'io" e ci siamo scofanàti come bisonti affamati. Magari le due tifoserie stavano organizzando solo una colossale abbuffata di pizza con salsiccia e funghi circondate da montagne di patatine fritte!

Abbiamo CATTIVE INTENZIONI... Ah, si? QUANDO VOLETE... Ah, si? NESSUN PROBLEMA

home page - send e-mail - continua (next page)