main index Alcune domande sulla Panasonic Lumix FZ50 e possibili accessori...

1) stai chiedendo al lupo se le pecore sono saporite: io stesso, che ero tifoso dichiarato delle Lumix, sono arcicontento della FZ50 (anche se non ho più aggiornato la pagina in merito) perché scopro che vale veramente tutto quel che costa... quando hai tempo, prova il modo "alta sensibilità" (nel menù dei modi scena) per fare qualche foto quasi completamente al buio e senza flash;

2) a suo tempo comprai un polarizzatore circolare Kenko ma mi sembra una plastichetta, un vetraccio che polarizza proprio poco... ma in questi casi, de gustibus: altri potrebbero aver avuto una impressione diversa. Comunque un polarizzatore circolare da 55mm dovrebbe costare proprio poco (non è il caso di prendere il polarizzatore "lineare" perché la FZ50 ha uno zoom manuale, quindi le lenti dentro "ruotano"). Se lo vuoi comprare solo per proteggere l'obbiettivo, è un altro conto (tieni presente che il polarizzatore si "mangia" un pò di luce, e quindi dovrai comunque toglierlo quando usi la fotocamera quando non c'è il sole... un filtro neutro, personalmente, mi sembra una spesa inutile).

3) le batterie originali costano troppo (a Roma le vendevano a più di 40 euro); ho scoperto che le batterie compatibili FZ10-FZ20 (più piccole) pure vanno bene; le batterie "FZ30-FZ50 compatibili" pure dovrebbero andar bene (durano meno di quella originale, ma usate si trovano anche a cinque-dieci euro... anche se in genere sconsiglio di comprare su eBay, resta sempre il fatto che in negozio le vendono a peso d'oro).

4) l'accessorio più utile per la FZ50 è il Raynox DCR6600Pro-55 (occhio a quel "-55" finale, perché la versione originale è filettata a 52mm ed è praticamente inutilizzabile poiché "vignetterebbe" con qualsiasi adattatore). Attenzione, che in molti ci sono cascati, e hanno speso soldi per il 6600Pro normale (quello filettato a 52mm) e poi hanno dovuto dimenticarlo.

Con quella lente aggiuntiva, allo zoom 1× avrai una "visuale" talmente larga da poter fotografare un'intera stanza stando in un angolo (beccando praticamente tutte le pareti). Purtroppo non so se il 6600Pro sia ancora reperibile in Italia; quello che era l'importatore italiano pare che non li tratti più. In USA la vendono a prezzi stracciati ma il guaio è che la dogana italiana blocca tutto, non vale la pena di rischiare di spendere un botto tra IVA e diritti doganali (e i vecchi trucchetti, come quelli di far marcare la merce come "regalo" e robe del genere, non funzionano più da molto tempo).

Un altro accessorio (che però a suo tempo costava quasi il triplo, cioè 300 e passa euro) è il Raynox DCRFE180Pro, un "fish-eye", che dà un campo visivo di quasi 180 gradi, ma distorce in modo esagerato e perde risoluzione ai lati più esterni.

5) parentesi: la batteria della FZ50 dura incredibilmente più di quella della FZ30 e di quella della FZ20... fino all'anno scorso avevo sempre il terrore di finire senza batterie, ora invece (con una batteria originale FZ50, una originale FZ20, e una "compatibile" FZ20) è una pacchia anche quando esco in montagna per un paio di giorni...!


Possibile flash difettoso? A volte scatta due flash per una foto, altre volte non scatta e la foto viene scurissima, altre volte ancora scatta anche se c'è troppa luce...

Da come lo descrivi, sembra un difetto della macchina.

Però tieni presente alcune cose.

Il flash può "raddoppiare" quando la fotocamera è in modalità "occhi rossi" (per evitare gli occhi rossi, parte un pre-flash debole, e dopo un attimo parte il flash e lo scatto).

Il flash ha una distanza utile generalmente da 60-70cm a 3 metri (non puoi fotografare il cupolone di piazza san Pietro, di notte, e pretendere che il flash lo illumini a giorno). Per fare foto notturne, infatti, è indispensabile disattivare il flash (a meno che il soggetto sia entro i tre metri di distanza dalla fotocamera), altrimenti verrà tutto nero.

Il sensore del flash (che sembra un minuscolo "led") capisce quanta luce c'è nel campo e quanta necessità c'è di usare il flash: può essere ingannato se è bagnato o impolverato, facendo intendere alla fotocamera che non c'è luce. E infatti un flash di troppo "abbaglia" la foto.

Il problema delle fotocamere non professionali è che in ambienti chiusi e male illuminati (durante la festa dei bambini a casa, oppure in una chiesa di sera, etc) rendono malissimo.

Queste cose valgono evidentemente non solo per le Lumix, ma per pressoché tutte le fotocamere economiche...


A me pare che RAW, TIFF e JPEG tirino fuori la stessa cosa... come faccio a vedere le differenze con Photoshop CS2?

Ti premetto che finora non ho ancora mai avuto vera necessità di usare il RAW.

Il formato TIFF è nella pratica quotidiana la stessa cosa del JPEG, con la differenza che non è lossy (cioè è "senza perdita"). Nelle fotocamere economiche non sembra servire a granché, visto che sembra restituire la stessa qualità del JPEG (ma questo risultato è dovuto al fatto che imbottire di megapixel una fotocamera non significa aumentare la qualità delle sue lenti!) Personalmente non ho mai avuto bisogno del TIFF; il risultato dei JPEG mi è sempre stato più che sufficiente.

Il RAW è esattamente quel che vede la fotocamera, senza passaggi di riduzione del rumore e bilanciamento del bianco e tutto il resto. Non conosco Photoshop CS2, quindi non so cosa faccia prima di mostrarti l'immagine RAW.

Il vero RAW è infatti fatto a "griglie" GRGB (cioè nelle righe "dispari" di pixel vedi alternati pixel G/R, cioè verdi/rossi, e nelle righe "pari" vedi alternati G/B, verdi e blu). Dato che sarebbe orrendo, prima di mostrarlo a video viene ricalcolato (e quindi i quattro pixel G,R,G,B vengono ricalcolati in quattro terne RGB), e poi sull'immagine risultante vengono applicati gli altri passaggi (riduzione del rumore, bilanciamento del contrasto, del bianco, etc).

La qualità la vedi su piccole sezioni della foto (se esamini una foto intera, di dieci megapixel, ridotta su uno schermo 1280×960 che corrisponde a 1,2 megapixel, è normale che non noti alcuna differenza; se invece ritagli un pezzo di immagine di 300×200 pixel, cioè meno di un centesimo della superficie totale della foto, allora tra RAW e TIFF e JPEG la differenza comincia ad essere visibile).


MariaGrazia torna a casa!

e-mail - continua (next page)