main index Il Capobanda!!! Index of UNOFFICIAL Circumvesuviana Home Page

If you got here, then you surely know who is the Laughing Man. (oops: this ain't Maison Ikkoku page!
Se siete arrivati qui, vuol dire che certamente sapete chi è il Laughing Man. Se non lo sapete, allora cliccate qui.

Ecco qui sotto il logo che finalmente ci possiamo far stampare sulle magliette e sulle borse da utilizzare nella prossima estate (ecco perché l'ho messo così grande!) ed anche alcune spiegazioni (anche in inglese, a beneficio di chi non capisse l'italiota idioma).


Importante: l'indice delle pagine dedicate a Ghost in the Shell è qui!


The rotating logo text says: "I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes". It's an excerpt from «The Catcher in the Rye» by Jerome David Salinger. The complete paragraph says:
"I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. That way I wouldn't have to have any goddamn stupid useless conversations with anybody. If anybody wanted to tell me something they'd have to write it on a piece of paper and shove it over to me. They'd get bored as hell doing that after a while, and then I'd be through with having conversations for the rest of my life".

Yes, it seems to be a stand alone complex. There is no other reason to quote it. I hope Motoko Kusanagi (Public Peace Section #9) will definitely clear this case.
Il testo che ruota attorno al logo dice: "I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes" - provo ad approssimarne una traduzione in italiano: "ho pensato che quel che [poi] avrei fatto sarebbe stato che avrei finto di essere uno di quei sordomuti". Si tratta di una citazione da Il giovane Holden di Jerome David Salinger (pubblicato nel 1951 col titolo The Catcher in the Rye). La citazione continua così (sempre traduzione mia approssimativa): "Dunque non vorrei dover avere nessuna dannata stupida inutile conversazione con chiunque. Se qualcuno volesse dirmi qualcosa, dovrebbe scriverlo su un pezzo di carta e vangarmelo addosso. Dopo un po' si annoierebbero a morte, ed in quel caso io ne avrei abbastanza di avere conversazioni per il resto della mia vita".

Insomma, questo giovane Holden non ha certo le mie simpatie. Sarà pure "una forma di rifiuto del perbenismo borghese", peraltro anticipando di molti anni i tempi degli "arrabbiati automatici" e degli "arrabbiati di lusso" (rockers, hippy, beat, etc). E l'onore della citazione lo ha meritato solo per l'abilità del Laughing Man di infilarsi dovunque.

Beh, sembra essere proprio uno stand alone complex, il complesso del ribelle solitario. Spero che Motoko Kusanagi (della sezione 9 della Public Peace) risolverà definitivamente questo caso.

Oops! Non riesco a trattenere alcuni commenti...

Prima di tutto alcune critiche:

Le armi da fuoco meriterebbero un'intera pagina di commenti; mi limito ad alcune osservazioni:



Altri dati tecnici su cui sbizzarrirsi con critiche e migliorie...

Infine, alcune considerazioni di carattere quasi filosofico...


The Laughing Man logo (please note: the original text rotates continuously)

send e-mail - continua (next page)