continua (next page) Frasi Famose index main index

Some shots about the Sinclair QL that Enzo "Cyclop" lent me in 1985 (and which I still could not return to him).

Eccolo qui: un "Sinclair QL 1984 issue 5", come si vede impresso in rame sul circuito stampato in verde.

Me lo prestò Enzo "ra' Ciclope" verso l'estate del 1985, che lui nel frattempo s'era comprato un PC compatibile. Tentai più volte di restituirglielo, ma ogni volta mi diceva di tenerlo. Grazie ad Enzo è cominciata la mia epopea informatica che continua tutt'oggi. QL, lato saldature

(clicca qui per le pagine sul retrocomputing).

Enzo ci aveva fatto una portentosa (e alquanto complessa) modifica: l'espansione RAM a 512k, sostituendo i sedici chip di memoria originali (credo saldati su piastra) con sedici chip 50256-15 (cioè 256 kbit a 150 ns): stavolta ovviamente li aveva messi su zoccolo (quello blu visibile in una delle foto). Resistenze volanti, connettori tastiera e Nec 8049

Per precauzione aveva messo anche uno switch per passare da 128k a 512k e viceversa (il che richiedeva un reset della macchina). Lo switch è visibile nell'immagine in fondo a questa pagina, in alto a sinistra del circuito stampato.

La cosa però aveva richiesto diverse altre modifiche interne, per cui sotto lo stampato, lato saldature, si vedevano una montagna di ponticellature (non esagero se penso che ci avrà messo almeno mezzo metro di filo stagnato), mentre sopra si vedevano un paio di resistenze volanti addossate allo ZX83 Sinclair che sta poco a QL, lato componenti. In basso a sinistra il piggy sinistra dell'Astec, diversi altri ponticelli lato componenti, e perfino un puzzolentissimo piggy su un avanzo di una millefori retto nientemeno che dai due stessi fili di collegamento allo stampato, saldati, sul lato componenti, sui piedini dei 74LS254 e 74LS257 vicini al connettore esterno di espansione ROM.

Da alcuni anni ho avuto diversi problemi a causa della RAM, per cui funziona solo in modo 128k. Come si vede infatti nell'immagine in fondo a questa pagina, riesce ad arrivare alla canonica schermata "F1:monitor F2:tv".

Purtroppo però non posso usarlo. Della membrana della tastiera, su cui sono evidenti le mie etichettine durante i tragici test, si erano ossidati e strappati (a causa della brutta piega) proprio i punti più delicati: quelli dei due connettori che vanno al circuito stampato. A furia di tagliuzzare sono arrivato al limite (nell'immagine a destra si può vedere quanto sia malridotto il tutto). La membrana della tastiera. In alto a destra i due strappi


Sui due connettori sulla motherboard (uno sottosopra rispetto all'altro, per qualche non irragionevole motivo che però tuttora mi sfugge), mettendo in corto due piedini ottengo la pressione di un tasto - il primo piedino da sinistra sul connettore sinistro, col terzo o quarto per il destro, per ottenere la pressione di F1 o F2 per avviare il QL.

Negli ultimi tempi in cui lo utilizzai seriamente, credo attorno al '93-'94, i microdrive avevano cominciato a funzionare proprio male (qualche nota l'ho scritta qui) ma credo sia colpa delle cartucce, poco atte a funzionare bene oltre la prima settimana di vita (SGRUNT!).

Assieme al QL avevo avuto in eredità ventotto cartucce (ne sfasciai una sola, la prima che non riuscivo più a riformattare, per vedere dentro com'era fatta), comprese le quattro originali di Quill, Abacus, Archive ed Easel. Queste ultime tre furono riciclate per salvare i miei software quando le altre cartucce davano ormai grossi segni di cedimento (spesso era inutile riformattare e riformattare). Le cartucce sono, nella foto più in basso, nella scatola aperta coperta dalla membrana. Non fate caso alle etichette che ho incollato ovunque (come sull'alimentatore originale Sinclair, per scriverci on/off). Infine, mi avanza ancora il manualone originale (visibile in fondo a sinistra nella foto in basso).



Quel mi resta del Sinclair QL qui descritto...

send e-mail - continua (next page)