continua (next page) main index IMPORTANTE: come già precisato, a partire dal 1' novembre 2007, con l'introduzione della tariffa Espresso "1/EXP" il sistema spiegato in questa pagina non è più applicabile. La lascio qui per motivi storici.

IMPORTANTISSIMO: a ottobre 2010 è stato chiuso il tratto di ferrovia tra Castel Di Sangro e Carpinone e a dicembre 2011 è stato chiuso il tratto da Sulmona a Castel Di Sangro. Il treno diretto 3347 citato qui sotto, che ho preso tante volte per l'intero tratto da Napoli a Sulmona, è scomparso per sempre.


Non so se ci avete fatto caso, ma i sistemi di bigliettazione (sito Trenitalia, emettitrici automatiche, sportelli biglietteria) hanno già sempre pronto il viaggio che fa per voi, che comprende (manco a dirlo) sempre un tratto lussuoso e costoso a bordo di Eurostar, Intercity e affini, per di più dando per default che vogliate prenotare anche quando non necessario!

Ma il mio problema è il costo del viaggio! Non voglio spendere tanti euro in più per guadagnare il mezz'ora di tempo (per giunta mezz'ora teorica, perché in caso di ritardi...). Certo, a bordo dei treni "di lusso" ci sono sedili più comodi, aria condizionata, etc, ma io sono sufficientemente giovane e ardito da non avere urgenti esigenze del genere.


Breve digressione storica: c'era una volta il treno locale...

Una volta c'era il treno "Locale" (in linea di massima "quello che ferma in tutte le stazioni"). Sparì, e fu soppiantato dal Regionale. C'era il Rapido, ma fece posto all'Intercity. C'era l'Espresso, ma poi sono comparsi gli Intercity di giorno e gli Intercity Notte per viaggiare "con supplemento" mentre si tenta di dormire seduti.

C'erano poi i Diretti, ma sono stati falcidiati anche quelli, al pari degli Interregionali venuti subito dopo. E poi la rete si è popolata di treni dai nomi ancor più altisonanti (e dalle tariffe colossali) come gli Eurostar, gli Euronotte, i T-Biz, i TrenOK e tutta la masnada, accompagnata timidamente dai Regionali Veloci e dai Regionali di sola prima classe con prenotazione obbligatoria...

C'è di peggio: proprio sulle tratte più famose circolano pochi treni regionali, pochi diretti e molti (moltissimi) Intercity ed Eurostar. Anche un tratto di un centinaio di chilometri può essere arduo da percorrere a tariffa economica (tariffa "nazionale" o "regionale", a seconda dei casi). Specialmente di giorno.

Insomma, viaggiare a tariffa standard senza nessun costoso supplemento è diventata un'impresa ardua. Ma se avete tempo e fegato di spulciare per bene gli orari e le tariffe dai siti Trenitalia e Viaggiatreno, potete riuscire nell'impresa disperata di spendere molto meno e di provare l'ebbrezza di tre-quattro cambi treno anziché uno, viaggiando di giorno in orari umani e magari con intervalli di cambio treno tra le stazioni sufficienti a fare un giretto in città che non avevate mai visitato...


Alcune sparse considerazioni preliminari

Ho viaggiato mio malgrado con diversi Intercity (sia "giorno" che "notte") scoprendo purtroppo che spesso la qualità del servizio, specialmente su tratte non "famose", è pari a quella dell'Espresso (solo, si paga il supplemento).

Paradossalmente, la migliore qualità (fatta eccezione per gli ETR450-460-500) l'ho trovata su quel mitico Regionale di sola prima classe a prenotazione obbligatoria (era il tratto Ancona-Roma).

La gazzarra dell'Alta Velocità ci fa dimenticare che decenni fa Napoli-Roma si faceva in un'ora e venti con un Rapido qualsiasi, ci fa dimenticare che c'è stato tra gli anni ottanta e novanta su moltissime linee un deliberato abbassamento delle velocità massime consentite per economizzare sulla manutenzione delle linee e sui treni.

Viaggiare con un'unico biglietto per tutto il tratto significa applicare una sola tariffa (scegliendo ovviamente la più economica, quella che Trenitalia denomina "tariffa 1/Nazionale" e che nelle biglietterie conoscono come "viaggio a tariffa economica"). Quando invece si cambia treno e si passa - per esempio - da un regionale ad un intercity a prenotazione obbligatoria, vengono emessi due biglietti (uno a tariffa regionale ed uno a tariffa intercity) col risultato di pagare qualcosa in più (poiché i singoli biglietti sono a fasce chilometriche: per esempio da 201 a 225 km di percorrenza il costo è identico; per giunta la somma dei costi di due biglietti da 201 a 225 è superiore ad un singolo biglietto di 225+225 km totali!).


Importante: le seguenti note si applicano all'orario Trenitalia 2007, ma anche se cambiano orari e tariffe, le considerazioni restano uguali.

L'obbiettivo è quello di auto-organizzarsi un potente viaggio (per esempio Pompei-Rimini e ritorno) con queste caratteristiche:

Su alcune tratte (notevolmente la Roma-Bari; la Roma-Milano è stata disattivata nonostante il successo ottenuto) è attivo il TrenOK a tariffe stracciate (nove euro, se si prenota con sufficiente anticipo), ma per gli orari che sto analizzando non posso utilizzarlo.

Quanto costa il viaggio Pompei-Rimini in automobile? Secondo il sito ViaMichelin sono circa 23 euro di pedaggi e 49 euro di benzina, per un totale di 72 euro e rotti. Considerato che il viaggio standard Pompei-Rimini in treno Espresso (discusso qui sotto) costa 33,47 euro (poiché è via Caserta-Bologna), risulta che viaggiare in due alla tariffa ferroviaria più economica costa poco meno che viaggiare in auto.
Sgradita sorpresa: nonostante gli aumenti dell'inizio del 2007 fossero presentati relativi ai soli treni più costosi (Eurostar e Intercity), scopro tragicamente che il biglietto in questione (che comprende un Espresso ed un Regionale) è salito da 33,47 a 34,90 euro (+4%) inguaiando così i pendolari a lunga percorrenza...
Pertanto, se tre persone devono viaggiare insieme per quel tratto, purtroppo risparmieranno di più se andranno in auto!

Inoltre, se due persone devono fare un viaggio lungo come questo ma pensano di "risparmiare" prendendo un Intercity o qualcosa del genere, sappiano che stanno risparmiando solo un po' di inquinamento e un po' di grattacapi per il parcheggio...!

Bei tempi quando avevamo davvero i treni più economici d'Europa. Ora, ad ogni pié sospinto, si parla di aumentare i biglietti, e nel frattempo treni economici come Espresso e Interregionale vengono sostituiti da Intercity ed Eurostar che impiegano magari dieci-venti minuti in meno ma costano il 20-40-60% in più...

Questa pagina di analisi prende in considerazione un giorno feriale qualsiasi; ovviamente va ripetuta per intero prima di partire, per evitare la sgradevole sorpresa di treni con orari strampalati tipo "viaggia dal lunedì al venerdì eccetto i giorni dispari degli anni non bisestili; nei giorni pari degli anni dispari limita la corsa alla stazione di Pollena Trocchia e parte 13 minuti prima con coincidenza bus per Zagarolo".

Ovviamente viaggio sempre leggero, niente valigia, niente ammennicoli. L'unico problema del cambio treno è la paura di perdere la coincidenza; per il resto, se siete stati in grado di entrare in stazione col vostro valigione, allora siete anche in grado di passare da un treno all'altro.


Problema: il tratto Pompei-Rimini

Lo standard di riferimento è il viaggio notturno da Pompei a Rimini, con un Espresso da Pompei a Bologna (si tratta dell'E830 Salerno-Milano) ed un Regionale da Bologna a Rimini: si parte dopo cena, si cambia a Bologna ad un'ora terribile (l'espresso ferma a Bologna alle 5:57) e si arriva a Rimini per le otto del mattino.

Nota: il viaggio in questione (via Caserta-Roma-Firenze-Bologna) è tariffato per 797 km, per cui partendo da Napoli (una trentina di chilometri in meno) il prezzo è lo stesso, poiché la tariffa da 751 a 800 km è sempre di 33,47 euro. Terremo presente questa cosa...

E invece, per viaggiare di giorno? Possibile che per andare da Napoli a Rimini occorra necessariamente passare per Bologna (che è geograficamente molto più a nord di Rimini e vi dista 112 km di ferrovia) per di più in Eurostar o altro treno a tariffa non economicissima?

Mettiamo mano a una cartina geografica e osserviamo dove "passa" la ferrovia.

Prima ipotesi: da Roma procedere verso Ancona anziché verso Firenze-Bologna.

R12358 Pompei 7:14 Villa Literno 8:29 +38min per il cambio treno
R2386 Villa Literno 9:07 Roma termini 11:11 +27min
R12110 Roma termini 11:38 Falconara Marittima 15:28 +36min
R11602 Falconara Marittima 16:04 Rimini 17:16 durata totale del viaggio: 10h 2min

Commento: partenza da Pompei in orario ragionevole (7:14 del mattino), passando per Napoli piazza Garibaldi alle 7:39 (il treno R12358 prosegue nel tratto metropolitano) con cambio a Villa Literno (poiché a quell'ora non c'era un diretto o regionale che coprisse il tratto Napoli-Roma; c'è però un Formia-Roma). Sul sito Viaggiatreno scopro che il R12358 va da Salerno a Formia, per cui è possibile cambiare per Roma anche a Formia anziché a Villa Literno.

L'arrivo previsto a Roma termini è alle 11:11, da lì c'è un regionale che parte 27 minuti dopo alla volta di Ancona. Scendere a Falconara Marittima alle 15:28 e cambiare per Rimini, dove l'arrivo è previsto alle 17:16, per un totale di dieci ore di viaggio, con margini ragionevoli per i cambio-treno (il minimo è 27 minuti, a Roma: dunque anche se il regionale 2386 arriva con venti minuti di ritardo, c'è ancora tempo sufficiente per cambiare treno).

Sento qualcuno che obietta che se "salta" una coincidenza, poi sono guai grossi. Allegria: può capitarvi anche con gli Intercity ed Eurostar e altri treni "famosi"! E allora sì che sono torcimenti di fegato (specialmente se vi salta una coincidenza verso un treno su cui avevate arciprenotato il posto).

Dunque, l'obiettivo è stato raggiunto: da Pompei a Rimini con quattro treni regionali (teoricamente un unico biglietto a tariffa minima) e per di più percorso alternativo un po' più breve di quello standard sopracitato (questo è via Formia-Roma-Falconara anziché via Caserta-Roma-Firenze-Bologna). Ora posso correre in biglietteria a chiedere un biglietto Pompei-Rimini "tutto a tariffa locale, via Formia-Roma-Falconara Marittima"! Il mio portafoglio sinceramente ringrazia: e l'avventura ferroviaria può cominciare...

Seconda ipotesi: a causa della mancata sveglia mattutina, avendo perso clamorosamente il primo treno, si può essere costretti ad una soluzione di ripiego:

iR2424 Pompei 8:20 Napoli centrale 8:53 +12min
R12444 Napoli c.le 9:05 Formia 10:07 +94min
R2390 Formia 11:41 Roma termini 13:11 +63min
R2322 Roma t.ni 14:14 Falconara Marittima 18:00 +44min
R2138 Falconara 18:44 Rimini 19:53 totale: 11h 33min

In questo caso i cambi treno sono quattro, e per di più c'è il rischioso interregionale 2424 che, corro trafelato a guardare su Viaggiatreno, parte nientemeno che da Cosenza quattro ore prima (un tragitto così lungo, ed in "orario pendolari", è tragicamente soggetto a portentosi ritardi: e a Napoli il tempo per cambiare treno è di soli dodici minuti).

Per il resto questa versione ha i margini per le coincidenze molto più ampi (permettendo peraltro un giretto per Formia per una lauta colazione, e magari anche un breve giretto a Roma a ora di pranzo, poiché non ci sono treni economici negli orari in questione). Totale (nel caso di incauto ottimismo e di coincidenza fortunosa a Napoli): undici ore e mezza di viaggio, con arrivo a Rimini per ora di cena.

Nel caso in cui si era partiti con la prima ipotesi e si perde la coincidenza a Roma alle 11:38, si può continuare con questa alle 14:14 (due ore, niente male),


Il viaggio di ritorno

Terza ipotesi: ritorno da Rimini a Napoli. Ahimé, questo è proprio il caso in cui un comodissimo regionale è stato elevato a Regionale di sola Prima Classe con Prenotazione Obbligatoria (ed infatti il tratto Falconara-Roma costa 22 euro e rotti). Certamente questa versione è più economica di quelle che prevedono il tratto Napoli-Bologna in treni di lusso, ma non batte (quanto a costi) lo standard notturno via Bologna-Firenze-Roma-Caserta (con partenza alle 22:00 da Rimini e arrivo prima delle nove del mattino a Pompei).

Infatti in questo caso non viene emesso un solo biglietto, ma tre biglietti (uno a tariffa locale fino a Falconara, uno con la tariffa di prima classe e la prenotazione, ed uno con tariffa locale fino a Pompei), costando perciò di più del canonico viaggio via Bologna.

Ecco dunque l'ipotesi per il viaggio di giorno:

R11407 Rimini 9:09 Falconara 10:06 (Pesaro 9:35) +73min
R12133 Falconara 11:19 Roma t.ni 14:26 (Foligno 12:48) +23min
R2399 Roma t.ni 14:49 Napoli c.le 17:28 (Formia 16:13) +22min
R12373 Napoli c.le 17:50 Pompei 18:18 totale: 9h 9min

In realtà da Rimini c'era anche il regionale 2123 delle 10:07 che arriva a Falconara presumibilmente alle 11:14, ma ci sarebbero solo cinque minuti per cambiare binario e saltare sulla coincidenza... e non è il caso di rischiare di perdere il "Guido da Camaino", elegante treno regionale di sola prima classe a prenotazione obbligatoria prendendo poi un regionale di seconda classe...

Ho arricchito le tabelle con la segnalazione dell'orario di fermata a qualche stazione di transito prossima all'arrivo, di modo che mentre sono a bordo posso ricalcolare un piano di viaggio in caso di ritardi apocalittici. Quando si compila un "piano di viaggio" come questo, è bene compilare tutte le alternative. Il piano di viaggio è perfetto quando c'è un ragionevole piano alternativo per ogni possibile coincidenza persa.

Secondo il piano sopra indicato abbiamo una pausa di 73 minuti a Falconara Marittima, magari si può fare un giretto al mercatino e fare un po' di acquisti selvaggi.

Se salta la coincidenza a Roma, c'è un altro treno regionale ma solo due ore più tardi (il R2403 delle 16:49 per Napoli Centrale). Da Napoli ci sono altri treni economici per Pompei ogni 30-60 minuti.

Quarta ipotesi: rischioso ritorno da Rimini partendo in tarda mattinata.

R2061 Rimini 12:47 Falconara 13:57 (Senigallia 13:41) +5min
iR2327 Falconara 14:02 Roma t.ni 17:48 (Terni 16:34) +62min
R2407 Roma t.ni 18:50 Napoli c.le 21:28 (Formia 20:18) +22min
R3467 Napoli pz. Garibaldi 21:50 Pompei 22:18 totale: 9h 31min

Se avete fegato (e se non avete scelta), potete tentare dunque questo ritorno disperato, sperando di arrivare a Falconara Marittima in perfetto orario, in modo da avere appena il tempo di scendere, attraversare il sottopassaggio e salire a bordo dell'Interregionale 2327 per Roma termini. Altrimenti sono guai grossi, perché il treno economico successivo da Falconara per Roma parte tre ore dopo, e quindi in caso di disperazione toccherà prendere l'Eurostar (l'ES9331 da Ancona a Roma termini) con una mazzata di 21 euro e rotti... (lascio da parte le altre considerazioni economiche! qui siamo sempre ottimisti, coi treni).

Considerazione supplementare: è inutile che vi spulciate l'orario ferroviario, perché tra le 9 e le 12 del mattino ci sono tipicamente enormi buchi, poiché si presume che in quella fascia oraria la gente lavora e non viaggia. Da Rimini verso Falconara ci sono infatti treni regionali alle 9:09, alle 10:07 e alle 12:47 (enorme "buco" tra le dieci e le dodici e quaranta).

Pertanto, in previsione di prendere un treno da Falconara a Roma, non ci sono alternative: o si parte alle 9:09 e si prende il R12133 di sola prima classe, o si parte alle 10:07 e si aspettano tre ore a Falconara per proseguire con l'interregionale 2327. Più precisamente:

In parole povere: viaggiare in treno è quasi una cosa da ricchi...!


Google
 
Web www.alfonsomartone.itb.it

Alternative: Pescara, Sulmona, Campobasso, Isernia...

Guardando su un atlante (oppure, in caso di estrema pigrizia, le mappe di Google, in modo da non spostare le proprie gentili terga dalla poltrona dove sono affondate) vediamo che c'è una linea poco trafficata che passa attraverso il Molise. Per esempio si potrebbe partire da Napoli alle 6:20 del mattino (poiché non ci sono treni per arrivare prima di quell'ora da Pompei), via Cassino-Roccasecca-Avezzano-Sulmona-Pescara:

R7864 Napoli c.le 6:20 Caserta 6:57 +17min
iR2352 Caserta 7:14 Cassino 8:10 +12min
R7456 Cassino 8:22 Roccasecca 8:37 +53min
R7458 Roccasecca 9:30 Avezzano 11:18 +84min
R12264 Avezzano 12:42 Pescara centrale 15:11 (Manoppello 14:49) +54min
R12032 Pescara c.le 16:05 Ancona 18:15 (Loreto 17:45) +20min
R2138 Ancona 18:35 Rimini 19:53 (Pesaro 19:21) totale: 13h 33min

Faccio una stima del costo: Pompei-Avezzano (il tratto più lungo di questo viaggio che il sito Trenitalia permette di calcolare a tariffa regionale) costa poco più di undici euro, pertanto è più lungo di 250 chilometri, cioè prossimo al Pompei-Roma termini. Ed Avezzano-Rimini è dello stesso costo di Rimini-Falconara-Roma.

Dunque, a meno di una verifica in biglietteria, dedurrei che il costo è pressoché uguale a quello via Formia-Roma-Falconara sopra suggerito. Certo però che sarebbe stato eroico riuscire in tal viaggetto di tredici ore e mezza, con sei cambi treno e diverse pericolosissime coincidenze (12 minuti, 17 minuti, 20 minuti).

Smanettando con gli orari tra Napoli e Isernia, scopro che c'è un treno che spazzola l'enorme tratto Sulmona-Napoli in orario che mi è utile, e costruisco "indietreggiando" un orario fino ad Ancona prima e a Rimini poi. Il risultato è a dir poco entusiasmante:

R11407 Rimini 9:09 Ancona 10:18 (Pesaro 9:35) +72min
R12029 Ancona 11:30 Sulmona 15:05 (Popoli 14:49) +41min
D3347 Sulmona 15:46 Napoli c.le 19:55 (Isernia 17:53) +63min
R3391 Napoli c.le 20:58 Pompei 21:20 totale: 12h 11min

In realtà ci sarebbe anche il R2123 delle 10:07 da Rimini, con arrivo previsto ad Ancona alle 11:25, con soli cinque minuti per la coincidenza. Gli orari dei regionali sono evidentemente funzionali alle coincidenze con i treni più costosi, e non con altri regionali...

Notare il poderoso diretto Sulmona-Isernia-Napoli, con chilometraggio di 252 km e tempo di percorrenza di oltre quattro ore; il tratto Rimini-Sulmona è invece di 302 km (notate come in entrambi questi casi si "sfora" di soli due chilometri dalla tariffa precedente! che tragedia)

Purtroppo le biglietterie delle stazioni FS non sembrano più abilitate alla vendita di un unico biglietto con itinerario "fai da te" come l'ho presentato in questa pagina. Resta comunque vero che tutti i sistemi di bigliettazione ufficiali prevedono solo gli itinerari, che raramente "sforano" più di due regioni italiane, con un meccanismo a me ancora sconosciuto...
Clamoroso! Ci sono riuscito! Il bigliettaio coi baffi della stazione di Rimini, smanettando col suo terminale è riuscito ad emettermi un unico biglietto da Rimini a Castellammare di Stabia a tariffa 1/Naz., dal prezzo di 25,41e per un chilometraggio totale di 589 km (il percorso via Bologna-Caserta offerto normalmente dalle biglietterie e dal sito Trenitalia è invece di 797 km - avete letto bene, si tratta di oltre duecento chilometri in più - per giunta il percorso fino a Castellammare contiene spesso un cambio in più a Torre Annunziata centrale), impostando come orario di partenza le 2:02 del mattino. Ecco quale sarebbe la sua proposta:
E901 Rimini 2:02 Pescara 4:22 +46min
R3187 Pescara 5:08 Napoli centrale 10:18 (Sulmona 6:23) +32min
R3457 Napoli c.le 10:50 Pompei 11:18 totale: 9h 16min
Naturalmente, una volta emesso il biglietto valido su tutto il percorso, si può partire anche più tardi (come nel caso sopra discusso, quello che prevede la coincidenza a Sulmona alle 15:46, poiché anche lì si utilizzano tutti treni locali e dunque vale la "tariffa 1/Naz."), e così attraversare la Maiella con la "cafoniera", passando in mezzo a stazioncine innevate, a settanta chilometri orari di costone in costone, di curvone in curvone...! Un panorama stupendo.
Piccola nota supplementare: sfogliando il sito Trenitalia, se cercate un percorso Pescara-Napoli col "minor numero di cambi", certamente non noterete che ci sono due treni giornalieri che spazzolano l'intero percorso Pescara-Napoli via Sulmona-Isernia (uno dalle 5:08 alle 10:47 nei giorni feriali ed uno dalle 7:08 alle 12:18 nei festivi). Nei giorni festivi si trovano infatti percorsi alternativi a orari diversi...

C'è anche per l'andata, ma la partenza è da Napoli ed è in orario semplicemente proibitivo (e per di più con coincidenze molto strette):

R3482 Napoli centrale 5:51 Sulmona 10:14 +25min
R2372 Sulmona 10:39 Pescara centrale 11:39 +18min
R12026 Pescara c.le 11:57 Ancona 14:03 +18min
R12002 Ancona 14:21 Rimini 15:46 totale: 9h 55min

Scopro inoltre che c'è un treno Roma-Pescara che parte alle 10:30 ma che però parte da... Roma tiburtina. Incredibilmente, il breve tratto da Roma termini a Roma tiburtina è servito malissimo da Trenitalia, costringendo ad avventurarsi nella metropolitana (perdendo un sacco di tempo per entrare e uscire nella metropolitana, più il piccolo ma fastidioso costo aggiuntivo). Così, viene il magone a vedere che dopo il regionale delle 9:14 da Roma termini (che arriva a Tiburtina alle 9:20, in appena sei minuti!) ce n'è un altro solo alle 11:14 (e quindi quel benedetto Roma Tiburtina-Pescara delle 10:30 non può essere facilmente raggiungibile per chi è costretto a sbarcare a Roma termini).

Bah! Facciamo un tentativo via Cassino-Campobasso-Pescara:

R12358 Pompei 7:14 Napoli p.za Garibaldi 7:39 +11min
R12414 Napoli c.le 7:50 Cassino 9:50 +46min
iR2349 Cassino 10:36 Campobasso 12:15 +30min
R8124 Campobasso 12:45 Pescara c.le 15:40 +25min
R12032 Pescara c.le 16:05 Ancona 18:15 (Loreto 17:45) +20min
R2138 Ancona 18:35 Rimini 19:53 (Pesaro 19:21) totale: 12h 7min

Questa ipotesi è clamorosamente da scartare perché costa oltre dieci euro in più a causa dei chilometri macinati sulla linea ferroviaria. Infatti le singole soluzioni Cassino-Pescara costano 6,50 euro se via Avezzano; 7,16 euro se via Campobasso-Termoli; 14,31 euro se via Campobasso con l'interregionale 2349 sopra citato! Il più economico è via Roccasecca-Arce-Sora e poi via Avezzano-Sulmona-Chieti. Quello via Termoli costa 76 centesimi in più, ma l'interregionale 8124 sopra citato scende prima da Cassino a Isernia, poi risale a Campobasso!

Inutile tentare di insistere: gli orari sono troppo stretti. Se proviamo in più tarda mattinata, poiché c'è un diretto da Napoli a Campobasso che parte alle 12:14, scopriamo dal sito Viaggiatreno che ad Isernia svolta verso est (e da una rapida scorsa negli orari si vede anche che le coincidenze verso nord sono davvero impossibili), e che l'unica coincidenza verso Pescara era... il diretto Napoli-Pescara. Col quale l'unica coincidenza economica è... l'espresso che arriva alle due e mezza del mattino a Rimini.

Ma no, ma no! Se ci si rassegna a viaggiare di domenica, si può ancora trovare qualcosa nei meandri dell'orario Trenitalia! Ecco un'altra soluzione entusiasmante per il viaggio da Pompei a Rimini:

R3702 Pompei 7:47 Napoli c.le 8:20 +10min
R22190 Napoli c.le 8:30 Sulmona 12:44 +76min
R12264 Sulmona 14:00 Pescara c.le 15:11 +49min
iR1764 Pescara c.le 16:00 Rimini 19:07 totale: 11h 20min

In caso di fifa boia per la coincidenza di soli dieci minuti, si può sempre partire alle 7:00 da Pompei col regionale precedente (che arriva a Napoli alle 7:38, lasciando quasi un'ora per la colazione). A Sulmona c'è un'ora e un quarto per la coincidenza, e quindi tempo per pranzare con tutta calma...



La necessità aguzza l'ingegno!

Spero di aver fornito in questa pagina un metodo di lavoro, più che dei dati immediatamente utilizzabili.

I siti ufficiali sono Trenitalia per pianificare ed eventualmente acquistare on-line e ViaggiaTreno per notizie sul traffico ferroviario a partire da un dato numero di treno o da una data stazione.

Tragicamente, solo dopo aver scritto questa pagina mi accorgo del gran bel lavoro di documentazione fatto su StagniWEB a proposito dei disagi per chi utilizza il treno, dei terribili costi, dei tremendi ritardi, delle soppressioni dei treni più economici, etc.

Importante: per avere una consultazione alternativa degli itinerari si può cliccare sul sito tedesco (ma questa pagina è in inglese) Reiseauskunft DeutscheBahn, che fra le opzioni permette di scegliere "solo treni regionali" e programmare un itinerario con due tappe intermedie particolari (per esempio scegliere Pompei come partenza, Rimini come arrivo, e Falconara Marittima come stazione obbligatoria dove fare una pausa, specificabile in ore e minuti).

Per altri dettagli, rinvio a quest'altra pagina.

Tratto Sulmona-Isernia-Napoli: neve sulla Maiella

send e-mail - continua (next page)