main index Click here for helicopters La mia tesi di laurea Linux pages Ti ricordo che le mie pagine Apple sono qui!


Nota esplicativa previa: questa pagina è stata scritta a metà del 2005, quando ancora i computer Apple surclassavano decisamente i PC... ora, invece, un po' di cose sono cambiate...


Allora, ora che hai da un po' di mesi questo Apple Mac, che mi dici del confronto col mio portatile Pentium 4 da tre gigahertz con Windows XP?

È difficile stimare potenza, prestazioni, velocità... poiché questi li si giudica in genere dal software - e per esempio, quanto a velocità il Microsoft Office per Mac è stato fatto coi piedi.

Da parte mia credo che surclassi abbondantemente un P4/3.0 ma credo che influisca un altro parametro - l'usabilità. Se uno attacca la videocamera al cavo firewire ed entro tre cliccate tira fuori il DVD masterizzato con tanto di menu, vuol dire che il Mac è più facile. Io mi sono accorto della "velocità" del Mac a causa del numero di cliccate molto più ridotto per fare le stesse identiche operazioni su Windows.

Per esempio, se installi un software XYZ, finisce tutto in una directory XYZ.app nella cui alberatura c'è tutto (eseguibile, risorse, etc); per disinstallare XYZ basta trascinarlo nel cestino; per spostare l'installazione di XYZ da un disco all'altro, basta trascinarla sulla directory di destinazione, etc.

Quante finestre apri tu con un giga di RAM? quanti programmi lanci, senza far "sedere" la macchina? Anche qui, quando si lancia un'applicazione assai pesante, passano un po' di secondi prima che la vedi aperta. Ma nel frattempo il sistema non lo senti "pesante" (tranne magari quando comincia a swappare), poiché anche la lettura da disco è preemptive.

Guarda la foto in questa pagina: ci ho collegato un secondo monitor e ho aperto un po' di finestre. Tirando il mouse nell'angolo in basso dello schermo, le finestre rimpiccioliscono e si ridistribuiscono ("Exposé", sul Mac da diverse versioni del sistema operativo; forse la vedrete in Longhorn), in modo che posso cliccarne una col mouse e farla diventare finestra corrente attiva. Quanto tempo perdi tu in genere a ritrovare una finestra fra le tante che hai aperto?

E ancora: tutte le cose che vengono annunciate per Windows Svista, sul Mac ci sono già. Le finestre trasparenti, le cartelle intelligenti, le ricerche veloci, etc. Il sistema operativo Mac OS X "Tiger" indicizza in tempo reale tutte le modifiche e creazioni di PDF, DOC, TXT, JPEG, etc, per cui cliccando sull'icona di Spotlight in alto a destra e scrivendo qualcosa, ottieni di trovare i file che contengonno quelle parole chiave praticamente in tempo reale (è come avere un "google" sul proprio hard disk; e chissà quando riusciranno a fotocopiarla in Windows, e quando ci riusciranno, chissà se riesce ad essere altrettanto veloce - escono i risultati addirittura mentre digiti).

Te ne dico solo un'altra e poi scappo, che ho da correre dal barbiere (super-economico) che mi taglia i capelli per soli sei euro (hai letto bene, sei euro, oggi, fine 2005, e rilascia regolarissima ricevuta fiscale: qui nel profondo sud, in provincia, c'è ancora gente onesta, affidabile ed economica).

Entrare ed uscire dallo stand-by è una faccendaccia velocissima, tant'è che io ne abuso allegramente: in treno apro il Powerbook G4, faccio vedere una cosa al collega, e lo richiudo; lui si ricorda di un'altra cosa: riapro, guardiamo, richiudo; il tutto in trenta secondi totali (dei quali oltre venticinque a vedere robe) e praticamente non si è "sentito" il peso del tornare e rientrare due volte in stand-by (i tempi biblici di stand-by di Windows sono altamente famosi, grazie alle imprecazioni: "oh, no! dovevi dirmelo prima! ho appena messo il computer in stand-by!)

Certo, non sono tutte rose e fiori (anche l'hardware Apple ha qualche buco, anche il sistema operativo (la versione attuale è "nata" a fine aprile 2005) non èancora ben rodato, ma in linea di massima questo bestione è ultimamente assai più produttivo di un equivalente Pentium.

Mi fermo qui - ti ho detto cose relative solo agli ultimi tre o quattro giorni di utilizzo; fare una rassegna esaustiva è un po' troppo faticoso...

Dimenticavo: io a bordo ho già la ethernet 10-100-1000, la firewire 400-800, il bluetooth 2.0... queste cose, a parte i Powerbook G4, non si sono ancora viste tutte insieme su un computer portatile...!


Che gusto! alla faccia dei miei colleghi costretti a usare WINTORZ!!!

send e-mail - continua (next page)