main index Click here for helicopters Chicca e... index Ray Tracing index Nella mia mente (e talvolta anche su carta, ma soprattutto nelle lunghe chiacchierate con i colleghi) sono passate idee a dir poco ambiziose. Ne presento qualcuna di quando ero molto giovane, solo perché me ne sono ricordato adesso, mettendo su questa pagina in fretta e furia...

  1. Avveniristico: un poderoso elicottero con un solo rotore di una sola pala. Credetemi, si può fare davvero; tra un po' di anni lo vedrete correre a 600-700 knots e più, e qualcuno dirà che l'idea era sua... se solo mi assumessero nel settore ricerca dell'Agusta e mi lasciassero fare!!! Non c'è bisogno di chissà che sforzi per evitare che la cellula tenda ad essere solidale col rotore. Se un Chinook riesce ad alzare più di dodici tonnellate con la tecnologia di un buon numero di anni fa, cosa non si può fare con la tecnologia attuale! L'unico serio problema sarà farlo... certificare da cima a fondo!
  2. Mostruoso: una riscrittura ex-novo dei protocolli Internet, allo scopo di eliminarne l'enormità di dati ridondanti, la necessità di passare per gli USA per prelevare un file da un sito che sta a cento metri da casa, per eliminare la paranoica fissazione dei 7 bit, per avere canali logici error-free e dunque allestire protocolli per cui basta un byte o anche meno per dire cosa si vuol fare (sono onesto: l'idea non può essere solo mia, ma perché nessuno si muove mai?). La semplicità farebbe bene anche ai cellulari laddove oggi, con pochi kbytes di firware, si fanno salti mortali per interpretare (e malamente rappresentare) pagine wml.
  3. Paranoico: un elaboratore basato sul parallelismo di processori ormai fuori mercato. Più precisamente: mettiamo n=256 processori Z80A e una memoria paginata di 8Mb (secondo uno schema 256*16+16+16+256*16k). Un sistema di cache a sette o otto livelli (log n) permetterebbe la memoria condivisa. Un numero abbastanza ridotto di processori "prioritari" potrebbe preoccuparsi dell'I/O critico e del real-time. In alternativa, si potrebbe pensare a processori 16 o 32 bit (se non RISC) fuori mercato e dunque super-economici (ma gli Z80 non costano niente e si riciclano da dovunque...!).
  4. Inusuale: una scheda video che alle features 3D aggiunga anche la programmazione dinamica del "pennello elettronico" col sort in tempo reale delle finestre dichiarate aperte, ognuna con memoria lineare, ARGB a 32bpp. Il sort in tempo reale non è un problema difficilissimo, per un numero di elementi molto piccolo (è raro aprire più di 30 finestre) si può pensarlo come di ordine O(1). Questa idea dovrei brevettarla perché è troppo gagliarda, e come al solito nessuno ci aveva pensato... ;-)
  5. Simpatico: treno metropolitano con trazione a batteria. Bastano poche centinaia di normali batterie al piombo delle auto disposte in serie, da porre sotto la cassa delle vetture. Una vettura della Circumvesuviana assorbe in genere non più di 200-300A a 1500VCC per i pochi secondi della spinta iniziale. Arrivata a destinazione, nei tempi di scambio subirebbe la ricarica. Si eliminerebbe così il problema della linea aerea (allestimento, manutenzione, limiti di velocità, impatto ambientale) senza utilizzare i puzzolentissimi motori a scoppio.
  6. Poco sicuro: pattini a motore per andare a 140 km/h. La posizione del corpo e della base dei piedi cambia ovviamente con l'aumentare della velocità, su un binario controllato da microprocessore. In aggiunta servono sei transponder (o tecnologia a onde radio) perché il micro conosca sempre la posizione del baricentro (poco sotto il plesso solare), della testa, delle due mani e delle due ginocchia, in modo da calcolare dinamicamente l'assetto da scegliere. Serve anche un equivalente di una bilancia per conoscere la distribuzione del peso ai piedi. La base dei piedi è manovrata da motorino elettrico, per la trazione va bene un motore a scoppio a nitrometano, per il raffreddamento applicherei una cella di Peltier al radiatore, le batterie al piombo possono servire come zavorra per abbassare il baricentro. Idea derivata: applicazione motore per mountain-bike (i serbatoi fungeranno da zavorre).

Sentiero degli dei (penisola sorrentina)

home page - send e-mail