main index Il Capobanda!!! Index of UNOFFICIAL Circumvesuviana Home Page

Some notes about my in-line skating; sorry, in Italian only and... just for fun!
La mia pagina principale sui pattini in linea (in-line skating) è qui!

Chi siamo? Siamo quelli del Nisciùn' nàsce 'mparàto, abbiamo otto ruote ai piedi e ci piace pattinare al Centro Direzionale di Napoli il sabato mattina.

Quando? Salvo pioggia o peggio, l'appuntamento è il sabato mattina verso le 10:30, nella piazzetta della piscina (quella di fronte all'uscita della stazione Circumvesuviana del Centro Direzionale), di fronte alla chiesa di san Carlo Borromeo (ultima foto di questa pagina).

Perché? Perché ci piace pattinare, e il sabato mattina possiamo scorrazzare senza troppi pensieri; i vantaggi di pattinare al centro direzionale sono, in ordine sparso:

Mi avanzano i pattini del bisnonno, che faccio? Posso venire anch'io?
Perché no? Lo scopo dichiarato è divertirsi (e magari smaltire un po' di trippa) senza farsi male (vi raccomandiamo le protezioni: polsiere, ginocchiere, etc).

Mi dai qualche consiglio sui pattini in linea?
Tutti i consigli che posso dare stanno già freschi freschi tondi tondi in questa pagina: non fatemi sempre le stesse domande! (e poi non sono un esperto, ma solo un appassionato, e neppure tanto bravo!)

Cosa si vince? Chi devo avvisare prima di venire anch'io? Quanto si paga? Cosa mi serve per iscrivermi? Cosa devo consultare o verificare prima di venire? Cos'altro si fa oltre che divertirsi scorrazzando?
Risposta unica per tutte queste domande: "niente!"


Elenco delle maggiori difficoltà da tenere in considerazione

Il più facile: il tombino piccolo. A passarci sopra probabilmente non se ne accorgerà nessuno. Tombino piccolo, tappato
Primo livello di difficoltà: queste sono le giunzioni in gomma, larghe pochi centimetri, affrontabili di taglio a quasi qualsiasi angolatura; il modo più facile è passarci perpendicolarmente e senza fare forza sui pattini. Giunzione in gomma
Pozzetto piccolo: non drammatico da affrontare, ma è bene evitarlo (ed è decisamente facile viste le dimensioni): le griglie metalliche generalmente non sono nostre amiche... Pozzetto piccolo
Canalina scolo pioggia: facile da affrontare perché breve (pochi centimetri); si può affrontare anche perpendicolarmente; in ogni caso i principianti si preparino ad un pochino di "terremoto" (più rumore che vibrazioni, peraltro). Stesso consiglio di prima: sugli ostacoli come questi si passa senza fare forza sui pattini. Canalina scolo pioggia
Altra difficoltà: le griglie lunghe. Qui occorre ancora più attenzione; l'unico modo tranquillo di affrontarle è "di taglio" e senza voler strafare anche se si è bravi. Nota: queste costano un po' più di "stress" per le ruote. Griglie lunghe
Qui comincia il pericolo: mattonelle staccate dal suolo, utili a prendere una bella caduta anche se si cammina a piedi. Da evitare anche per i più bravi (anche se ci può sembrare facile affrontarle a bassa velocità, è bene non abusare della fortuna). Pavimentazione malmessa
Griglie grandi: da evitare sia per questioni di equilibrio, sia per i possibili danni alle ruote dei pattini. Griglie grandi
Avvallamenti: occorre una discreta bravura per affrontarli senza perdere l'equilibrio; in questo caso sono conditi da mattonelle rotte e possibilmente "scollate" da terra, e quindi sono da evitare (non vorrete mica provare di persona a vedere se si riesce a passarci su senza cadere, vero?) Avvallamenti
Ecco un altro nemico del pattinatore: il fosso. Non è che qualcuno abbia "scavato": è semplicemente la canalina di scolo con la griglia staccata. Fossi
Ecco un bel concentrato di insidie da cui stare alla larga: canalina e pavimentazione sfasciati, in compagnia di un leggero avvallamento. Stare alla larga!

Ovviamente non ho citato i "bersagli mobili" (mamme con carrozzine, bambini a spasso, etc), ma tra il sabato mattina e la domenica pomeriggio sembrano essere abbastanza rari e ben individuabili (e dunque ben scansabili)! Il centro direzionale è zeppo di uffici e quindi nei giorni non lavorativi è decisamente sgombro.

I più bravi possono tentare di saltare i piccoli ostacoli (canaline, pozzetti, etc), ma sempre tenendo conto che una sola mattonella "scollata" nel punto di salto o di atterraggio può essere fatale.

Attenzione: nonostante l'apparentemente ferocissima descrizione, la pavimentazione del Centro Direzionale non è così squinternata come potreste pensare (c'è comunque un ciclo di manutenzione, anche se la pioggia e il passaggio di -rare- automobili provvede a squadernare altre mattonelle); si spera che questa pagina vi sia servita a non avere sorprese qualora decideste che il pavimento di casa (troppo liscio e troppo piatto, utile per mettersi in piedi sui pattini la prima volta) oppure qualche tracciato in cemento o asfalto (non proprio facile da trovare) non vi bastino più. È sempre bene fare un sopralluogo "a piedi" in una giornata festiva.

E soprattutto ricordatevi: Nisciùn' nàsce 'mparàto!!!


Google
 
Web www.alfonsomartone.itb.it

4 febbraio 2006

21 gennaio 2006

send e-mail - continua (next page)